Luigino Tozzi

L’INTERVENTO

La sfida al futuro della Olivetti.
Racconteremo la storia della avventura nella elettronica della Olivetti. Tra il 1955 e il 1961 tra Ivrea, Barbaricina e Borgolombardo si compie una delle piu’ straordinarie avventure industriali, tecnologiche e scientifiche della storia del mondo. In pochi anni la Olivetti diventa azienda leader del mondo in un settore di avanguardia.

La storia del Laboratorio Ricerche Elettroniche (LRE) dovrebbe essere raccontata nelle scuole, nelle Università’, in tutti i Master di management poiche’ essa ‐ a distanza di piu’ di mezzo secolo ‐ mantiene intatti insegnamenti che possiamo considerare universali.

La storia della Olivetti e’ indissolubilmente legata all’innovazione. L’avventura del LRE e’ il momento piu’ alto di espressione: tutti i progetti del Laboratorio propongono soluzioni avanzate.

CHI E’ LUIGINO TOZZI

Luigino Tozzi nato a Civitella in Val di Chiana (AR) il 29 marzo 1936.

Nel febbraio 1958 e’ stato assunto dall’Olivetti presso la sede di Barbarecina (PI). Trasferito in seguito a Borgolombardo (MI), successivamente a Pregnana (MI) ed infine a San Bernardo d’Ivrea (TO).

Nei 35 anni olivettiani ha collaborato in varie realtà aziendali sintetizzabili in aree come  progetti, acquisti, logistica.

Ha partecipato alla realizzazione dell’ELEA (primo computer a transistor), CBN (convertitore banda nastro), UME (unità moltiplicatrice elettronica), NC (unità di governo per macchine utensili) e ad uno stabilimento in Unione Sovietica. Lascia l’Olivetti nel 1993 e fonda la MALU’ di Tozzi & C. s.a.s con missione di  consulenze industriali nell’area acquisti. Esegue interventi in molte società del nord Italia fino al 2006.

Ha partecipato al progetto e alla realizzazione del Laboratorio Museo Tecnologicamente aperto al pubblico dal 2005 ad oggi con storia delle macchine per scrivere, da calcolo meccaniche, elettroniche con la “Programma 101” funzionante.