Nicola Giardini

L’INTERVENTO

Le nuove tecnologie accessibili in campo medicale

La televisione ed i giornali raccontano spesso di uno macchina rivoluzionaria capace di far realizzare a tutti oggetti fisici reali. Il soggetto in questione è un piccolo ed economico strumento, la stampante 3D. La democratizzazione delle risorse tecnologiche dilata i confini delle logiche di prezzo ed abbatte i vincoli di accesso al mercato mettendo a disposizione di tutti la capacità di fare.

Il settore della sanità godrà nei prossimi anni di nuovi strumenti efficaci per il trattamento terapeutico di tante patologie: dispositivi medici personalizzati. Servono tanta applicazione e determinazione, ma solo tre elementi ed un piccolo investimento, a permettere l’accesso democratico a queste risorse: uno scanner 3D, un programma di modellazione CAD ed un stampante 3D.

CHI E’ NICOLA GIARDINI

Ingegnere edile, maker e titolare della startup Proteo.
Nato a Siena nel 1986, perito meccanico e ingegnere edile, è socio fondatore della startup Proteo. Insieme agli amici Federico PapiAlessandro Sorri è responsabile di un progetto ambizioso: portare nel settore sanitario le nuove tecnologie digitali. Da sempre appassionato di motori ha trovato nella stampante 3D la risposta ai suoi desideri di maker. La natura di ingegnere lo ha però spinto a cercare un’utilità concreta in questo strumento ed insieme a Federico ed Alessandro è nato così il progetto di una startup dedicata a promuovere le potenzialità dei nuovi strumenti tecnologici, mettendosi a disposizione dei tecnici del settore medico per studiare insieme le opportunità di produzione di nuovi dispositivi medici su misura.